Lascio un’America migliore. Sei proprio sicuro? Ti salutano i milioni di bimbi abortiti

Ultimo discorso nella sua Chicago, ‘Yes, we can’ – “Yes we Can!”. Barack Obama, in un clima di commozione assoluta, conclude con il suo iconico slogan il discorso di addio alla presidenza. Lo slogan che lo porto’ alla Casa Bianca e che urlo’ nella ormai leggendaria election night del 2008. E che ora ripete nella sua Chicago, la citta’ dalla quale parti’ la sua avventura Ma stavolta, davanti a 20 mila persone in delirio, aggiunge: “Yes we Did”.

Si’, perche’ “oggi l’America e’ migliore”, rivendica con forza. Perche’ negli ultimi otto anni il cambiamento c’e’ stato: “Lo abbiamo fatto, lo avete fatto”. Due esempi su tutti: la legalizzazione delle nozze gay e il salvataggio dell’industria dell’auto, sull’orlo della bancarotta dopo la grande crisi. Ma l’elenco dei risultati raggiunti nel corso dei quasi tremila giorni dei suoi due mandati presidenziali non e’ il cuore dell’ultimo discorso da presidente. Il cuore del messaggio e’ piuttosto sui valori che rendono l’America ‘eccezionale’ e che non vanno traditi in nessun modo. E per i quali lui continuera’ a combattere anche fuori dalla Casa Bianca: “E’ stato un onore servire gli americani, non mi fermero’.

Continuero’ a farlo per il resto dei miei giorni”. Le standing ovation non si contano. Le lacrime in platea e in tribuna scendono copiose. Anche Obama piu’ volte appare decisamente commosso. Come quando viene scandito in coro ‘four more years”, altri quattro anni. Non cita mai Donald Trump, se non per dire che fara’ di tutto per agevolare la transizione con il suo successore. Ma afferma chiaro e forte come il futuro del Paese dipenda proprio dalla salvaguardia di quei principi di liberta’, uguaglianza, democrazia che furono dei padri fondatori, e che in questa fase soprattutto la minaccia del terrorismo rischia di intaccare.

Cosi’ sottolinea che non accettera’ mai qualunque discriminazione contro i musulmani in America. Anche perche’ l’Isis sara’ sconfitta – sottolinea – solo se non prevarra’ la paura e si sapranno salvaguardare proprio quei valori che il terrorismo vuole distruggere. E ancora Obama mette in guardia da un ritorno indietro sul fonte delle discriminazioni razziali nei confronti di tutte le minoranze, a partire da quella afroamericana: “Servono le leggi, anche se queste non bastano.

Devono cambiare i cuori”.






Anche negare i cambiamenti climatici – altra stoccata al suo successore – “sarebbe tradire le generazioni future e lo spirito del Paese”. E poi il monito a non trasformare l’America come altre potenze che definisce ‘rivali’: la Russia e la Cina. Paesi che “non possono eguagliare la nostra influenza nel mondo – afferma – a meno che non siamo noi a mollare quello in cui crediamo e ci trasformiamo in un altro grande Paese che fa il prepotente con i vicini piu’ piccoli”.

Ancora lacrime quando ringrazia la first lady Michelle: “Sei la mia migliore amica. Mi hai reso orgoglioso, hai reso orgogliosa l’America”. E sul palco alla fine c’e’ anche lei, insieme alla figlia Malia, come nel 2008. E insieme all’amico di questa avventura Joe Biden. E le luci sul 44/mo presidente degli Stati Uniti si spengono.




Red/AnsaWeb

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Ma che ci sto a fare?
La Croce e la pace. Meditazioni spirituali di Papa Francesco
Cento giorni con Gesu

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento