Vangelo (21 Aprile) Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce

#Vangelo: Gettate la rete dalla parte destra della barca e trovereteGv 21,1-14
Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce.

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla. Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

L’apostolo Giovanni, mosso e illuminato dallo Spirito Santo, unisce in modo mirabile croce e missione. La rete della missione dovrà essere perennemente gettata dal lato destro della barca, cioè dal corpo della Chiesa, che è il Corpo di Cristo, il Corpo trafitto nel lato destro, dal quale sgorga il fiume nel quale i pesci saranno sempre abbondanti.

#Vangelo: Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete

Mi condusse poi all’ingresso del tempio e vidi che sotto la soglia del tempio usciva acqua verso oriente, poiché la facciata del tempio era verso oriente. Quell’acqua scendeva sotto il lato destro del tempio, dalla parte meridionale dell’altare. Mi condusse fuori dalla porta settentrionale e mi fece girare all’esterno, fino alla porta esterna rivolta a oriente, e vidi che l’acqua scaturiva dal lato destro. Quell’uomo avanzò verso oriente e con una cordicella in mano misurò mille cubiti, poi mi fece attraversare quell’acqua: mi giungeva alla caviglia. Misurò altri mille cubiti, poi mi fece attraversare quell’acqua: mi giungeva al ginocchio. Misurò altri mille cubiti, poi mi fece attraversare l’acqua: mi giungeva ai fianchi. Ne misurò altri mille: era un torrente che non potevo attraversare, perché le acque erano cresciute; erano acque navigabili, un torrente che non si poteva passare a guado. Allora egli mi disse: «Hai visto, figlio dell’uomo?». Poi mi fece ritornare sulla sponda del torrente; voltandomi, vidi che sulla sponda del torrente vi era una grandissima quantità di alberi da una parte e dall’altra. Mi disse: «Queste acque scorrono verso la regione orientale, scendono nell’Araba ed entrano nel mare: sfociate nel mare, ne risanano le acque. Ogni essere vivente che si muove dovunque arriva il torrente, vivrà: il pesce vi sarà abbondantissimo, perché dove giungono quelle acque, risanano, e là dove giungerà il torrente tutto rivivrà. Sulle sue rive vi saranno pescatori: da Engàddi a En-Eglàim vi sarà una distesa di reti. I pesci, secondo le loro specie, saranno abbondanti come i pesci del Mare Grande. Però le sue paludi e le sue lagune non saranno risanate: saranno abbandonate al sale. Lungo il torrente, su una riva e sull’altra, crescerà ogni sorta di alberi da frutto, le cui foglie non appassiranno: i loro frutti non cesseranno e ogni mese matureranno, perché le loro acque sgorgano dal santuario. I loro frutti serviranno come cibo e le foglie come medicina (Ez 47,1-12).

La missione evangelizzatrice si potrà vivere solo se si diviene un solo cuore con il cuore di Cristo e un solo corpo con il suo Corpo, un corpo crocifisso con il Corpo Crocifisso di Gesù Signore. È da questo corpo che sgorga l’acqua della vita, della verità, della redenzione, della grazia. È in quest’acqua che i pesci saranno sempre abbondanti. Nelle altre acque pesci non se ne trovano e le reti saranno sempre vuote.

#Vangelo: Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete

Oggi le regole della missione vengono stabilite a tavolino, dalle cattedre. Ma colui che le stabilisce ha le reti sempre vuote. Non vi sono regole perché i pesci abbondino nelle nostre acque putride della nostra immoralità. I pesci conoscono solo un’acqua adatta alla loro vita: quella che sgorga dal costato di Gesù, costato della Chiesa, costato del missionario. È in questa che essi abbondano. In essa bisogna gettare la rete.




Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci acqua purissima di vita.

Commento del Movimento Apostolico

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Santità al femminile. Donne determinate e forti
Cento giorni con Gesu
Medjugorje e il futuro del mondo. Di padre Livio

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento