Giovanni Paolo II viveva già in questa terra con il cuore in Paradiso. E con l’Eucarestia tra le mani

Giovanni Paolo II è stato un Pontefice che tra i sui più grandi amori, oltre la gioventù, ha avuto Maria e l’Eucarestia. Nell’anno del Signore 2003, proprio in questo giorno del 17 Aprile, il futuro santo pubblicò l’enciclica Ecclesia de Eucharistia riguardante l’eucarestia nel suo rapporto con la Chiesa.

Abbiamo scelto, da rileggere insieme, alcuni pensieri da questa lettera Enciclica. In fodo alla pagina, trovate il link al sito del Vaticano, per leggerla tutta.

Dall’introduzione – La Chiesa vive dell’Eucaristia. Questa verità non esprime soltanto un’esperienza quotidiana di fede, ma racchiude in sintesi il nucleo del mistero della Chiesa. Con gioia essa sperimenta in molteplici forme il continuo avverarsi della promessa: « Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo » (Mt 28,20); ma nella sacra Eucaristia, per la conversione del pane e del vino nel corpo e nel sangue del Signore, essa gioisce di questa presenza con un’intensità unica. Da quando, con la Pentecoste, la Chiesa, Popolo della Nuova Alleanza, ha cominciato il suo cammino pellegrinante verso la patria celeste, il Divin Sacramento ha continuato a scandire le sue giornate, riempiendole di fiduciosa speranza.






Dal mistero pasquale nasce la Chiesa. Proprio per questo l’Eucaristia, che del mistero pasquale è il sacramento per eccellenza, si pone al centro della vita ecclesiale. Lo si vede fin dalle prime immagini della Chiesa, che ci offrono gli Atti degli Apostoli: « Erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli Apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere » (2,42). Nella « frazione del pane » è evocata l’Eucaristia. Dopo duemila anni continuiamo a realizzare quell’immagine primigenia della Chiesa.

E mentre lo facciamo nella Celebrazione eucaristica, gli occhi dell’anima sono ricondotti al Triduo pasquale: a ciò che si svolse la sera del Giovedì Santo, durante l’Ultima Cena, e dopo di essa. L’istituzione dell’Eucaristia infatti anticipava sacramentalmente gli eventi che di lì a poco si sarebbero realizzati, a partire dall’agonia del Getsemani. Rivediamo Gesù che esce dal Cenacolo, scende con i discepoli per attraversare il torrente Cedron e giungere all’Orto degli Ulivi. In quell’Orto vi sono ancor oggi alcuni alberi di ulivo molto antichi. Forse furono testimoni di quanto avvenne alla loro ombra quella sera, quando Cristo in preghiera provò un’angoscia mortale « e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra » (Lc 22,44). Il sangue, che aveva poco prima consegnato alla Chiesa come bevanda di salvezza nel Sacramento eucaristico, cominciava ad essere versato; la sua effusione si sarebbe poi compiuta sul Golgota, divenendo lo strumento della nostra redenzione: « Cristo […] venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, […], entrò una volta per sempre nel santuario non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue, dopo averci ottenuto una redenzione eterna » (Eb 9,11- 12).

Leggi anche

La preghiera per benedire e sostenere nell’amore di Dio la tua famiglia (di San Giovanni Paolo II)

Lo stupore Eucaristico – Questo « stupore » eucaristico desidero ridestare con la presente Lettera enciclica, in continuità con l’eredità giubilare, che ho voluto consegnare alla Chiesa con la Lettera apostolica Novo millennio ineunte e con il suo coronamento mariano Rosarium Virginis Mariae. Contemplare il volto di Cristo, e contemplarlo con Maria, è il « programma » che ho additato alla Chiesa all’alba del terzo millennio, invitandola a prendere il largo nel mare della storia con l’entusiasmo della nuova evangelizzazione. Contemplare Cristo implica saperlo riconoscere dovunque Egli si manifesti, nelle sue molteplici presenze, ma soprattutto nel Sacramento vivo del suo corpo e del suo sangue. La Chiesa vive del Cristo eucaristico, da Lui è nutrita, da Lui è illuminata. L’Eucaristia è mistero di fede, e insieme « mistero di luce ».3 Ogni volta che la Chiesa la celebra, i fedeli possono rivivere in qualche modo l’esperienza dei due discepoli di Emmaus: « si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero » (Lc 24,31).





Si può dire così che l’Eucaristia, mentre ha plasmato la Chiesa e la spiritualità, ha inciso fortemente sulla « cultura », specialmente in ambito estetico. 

50. In questo sforzo di adorazione del Mistero colto in prospettiva rituale ed estetica, hanno, in certo senso, « gareggiato » i cristiani dell’Occidente e dell’Oriente. Come non rendere grazie al Signore, in particolare, per il contributo dato all’arte cristiana dalle grandi opere architettoniche e pittoriche della tradizione greco-bizantina e di tutta l’area geografica e culturale slava? In Oriente l’arte sacra ha conservato un senso singolarmente forte del mistero, spingendo gli artisti a concepire il loro impegno nella produzione del bello non soltanto come espressione del loro genio, ma anche come autentico servizio alla fede. Essi, andando ben oltre la semplice perizia tecnica, hanno saputo aprirsi con docilità al soffio dello Spirito di Dio.

dall’Enciclica di Giovanni Paolo II

loading…



Puoi leggere anche

  1. Una famiglia intera ha vissuto uno straordinario miracolo sulla tomba di Giovanni Paolo II
  2. Giovanni Paolo II era sicuro: i santi degli ultimi tempi saranno formati da Maria!
  3. Conosci i 10 segreti di San Giovanni Paolo II che hanno fatto della sua vita una ‘perla preziosa’?
  4. Quando Giovanni Paolo II (era già molto malato) disse: “Qui c’è Gesù! Per favore lasciatemi inginocchiare!”

Vuoi leggere l’Enciclica Ecclesia de Eucharistia? Clicca qui 

Servizio a cura di Daniele Venturi

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Superare i conflitti. Come risolvere situazioni difficili
Cento giorni con Gesu
Educare ad amare. Scritti su matrimonio e famiglia. Di Karol Wojtyla

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento