Nella diocesi di Milano. Una comunità pastorale intitolata a Paolo VI

paolo_VI_00001Prima ancora che sia proclamato ufficialmente beato da Papa Francesco, Paolo VI viene scelto come patrono di una comunità pastorale dell’arcidiocesi di Milano. La quale formalmente si costituirà solo dopo il rito di beatificazione di Giovanni Battista Montini, il prossimo 19 ottobre. La comunità, che risulterà la prima in assoluto a essere intitolata al Pontefice bresciano, è quella costituita da tre parrocchie fra le sette della città di Paderno Dugnano (47.500 abitanti in provincia di Milano): santi Nazaro e Celso in Dugnano, Santa Maria Assunta a Incirano e Maria Immacolata in rione Calderara.
Don Luca Andreini, il responsabile della comunità designato ai consigli pastorali riuniti lo scorso 16 settembre, ha avanzato la proposta di incominciare il cammino di comunità il 9 novembre e di intitolare tale comunità al nuovo beato. L’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, pochi giorni fa ha dato risposta affermativa a tale proposta.
Don Luca dal 1° luglio è alla guida delle prime due parrocchie citate e amministratore parrocchiale della terza da due anni. Nei progetti diocesani di nuove organizzazioni territoriali del servizio pastorale, le parrocchie di questa e altre città hanno costituito — per l’appunto — delle “comunità pastorali”, di cui una comprendeva dal 2006 Dugnano e Incirano con la prospettiva di accogliere anche Calderara. Ora è giunto il momento del cammino a tre, che don Andreini ha proposto di incominciare nella domenica che il calendario ambrosiano dedica a Cristo Re, ossia il 9 novembre; com’è noto, l’Avvento ambrosiano dura due settimane in più di quello romano e quest’anno avrà inizio il 16 novembre. Con questa scelta la nuova comunità vuole in modo significativo lavorare insieme sin dal primo giorno dell’anno liturgico.
«Intitoliamo la nuova comunità pastorale a Paolo VI — ha detto e scritto il parroco ai fedeli — mettendoci alla scuola e sotto la protezione del nuovo beato che fu anche nostro arcivescovo, con un profondo legame con tutte le nostre tre parrocchie».
L’arcivescovo Montini — come sappiamo — lasciò una memoria notevole in tutta la diocesi che gli era stata affidata: ora la nuova comunità si vuole far segno visibile di questa memoria, che è anche riconoscenza a lui e prima di tutto al Signore. Un ricordo esplicito di Paolo VI, peraltro, era già presente a Dugnano, dove da anni il centro parrocchiale è dedicato proprio a lui.
L’inizio della nuova comunità avverrà in forma ufficiale con l’ingresso solenne di don Luca come nuovo parroco nelle tre parrocchie con altrettante messe: sabato 8 alle ore 18 in Santa Maria Assunta; domenica 9 alle 10 nella parrocchia santi Nazaro e Celso; domenica 9 alle 18 in Santa Maria Immacolata.
di Alberto Manzoni
L’Osservatore Romano, 1° ottobre 2014.

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

La Croce e la pace. Meditazioni spirituali di Papa Francesco
Santi in Corsia
100 preghiere ai santi dell'impossibile

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento