Nuovo appello del Papa per la Siria: concordare azione comune per la pace. Il pensiero per il piccolo Alfie

Dopo la preghiera del Regina Caeli, Papa Francesco lancia un nuovo appello per arrivare alla pace in Siria e nel mondo, utilizzando “gli strumenti a disposizione della comunità internazionale”. Sulla vicenda del piccolo Alfie e di Vincent Lambert, prega perché “ogni malato sia sempre rispettato nella sua dignità e curato con l’apporto concorde dei familiari e dei medici”


Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

“Sono profondamente turbato dall’attuale situazione mondiale, in cui, nonostante gli strumenti a disposizione della comunità internazionale, si fatica a concordare un’azione comune in favore della pace in Siria e in altre regioni del mondo”. Così Papa Francesco oggi dopo la preghiera del Regina Caeli, recitata con i tanti fedeli presenti in piazza San Pietro dalla finestra del suo studio nel Palazzo Apostolico.

E prosegue ricordando che, mentre prega incessantemente per la pace, e invito tutte le persone di buona volontà a continuare a fare altrettanto, si appella “nuovamente a tutti i responsabili politici, perché prevalgano la giustizia e la pace”. Dopo l’attacco di ieri di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia ad obiettivi in Siria, per distruggere il presunto arsenale chimico del regime di Assad, il Papa è tornato quindi ad alzare la sua voce per chiedere un nuovo e forte sforzo pacificatore a tutta la comunità internazionale, Onu in testa.
.

.

Su Alfie: rispetto del malato e cure concordate coi familiari

Il Papa ricorda poi il calvario di persone come Vincent Lambert, in Francia e il piccolo Alfie Evans, in Inghilterra, “che vivono, a volte da lungo tempo, in stato di grave infermità”, assistite dai medici per i bisogni primari. “Sono situazioni delicate, molto dolorose e complesse – commenta Francesco – preghiamo perché ogni malato sia sempre rispettato nella sua dignità e curato in modo adatto alla sua condizione, con l’apporto concorde dei familiari, dei medici e degli altri operatori sanitari, con grande rispetto per la vita”.

Preghiera per i rapiti uccisi in Ecuador

Il Pontefice, sempre dopo il Regina Caeli, esprime anche dolore per “la notizia dell’uccisione dei tre uomini rapiti alla fine di marzo al confine tra Ecuador e Colombia”. “Prego per loro e per i loro familiari – prosegue – e sono vicino al caro popolo ecuadoriano, incoraggiandolo ad andare avanti unito e pacifico”, con l’aiuto del Signore e della Vergine Maria.

Madacascar, il beato Botovasoa testimone di Cristo fino al dono della vita

Infine Papa Francesco ricorda che oggi, a Vohipeno, in Madagascar, viene proclamato beato il martire Luciano Botovasoa, “padre di famiglia, coerente testimone di Cristo fino al dono eroico della vita”. “Arrestato e ucciso per aver manifestato la sua volontà di rimanere fedele al Signore e alla Chiesa – conclude il Papa – rappresenta per tutti noi un esempio di carità e di fortezza nella fede”.

Ti é piaciuto l'articolo? Scrivi un tuo commento!

Letture consigliate (clicca sulla copertina, potrai acquistare a prezzi scontati!)

Cento giorni con Gesu
Beata te che hai creduto
Superare i conflitti. Come risolvere situazioni difficili

Una proposta

Commenti

Aggiungi il tuo commento